«Se dovessi scegliere con il sesso e picchiare dal acuto con i The Whitest Boy Alive. »

«Se dovessi scegliere con il sesso e picchiare dal acuto con i The Whitest Boy Alive. »

In principio erano i calcolatore elettronico.

Il ricorrenza dietro, Dio porto gli strumenti. Sopra questo decennio, il suono elettronico – polifonico della band in quanto ha inizio per Berlino, si e modificato mediante pura prosperita deprogrammata verso i fan della dance live sopra gruppo durante l’Europa. Infine riusciamo ad incrociare i ragazzi di Bergen, Berlino e Torun, durante fare quattro chiacchiere ed una sana prova musicale

Le conferenze pubblicazione sono costantemente un po’ banali. Per questa, i The Whitest Boy Alive sono un po’ aggressivi, annoiati, reattivi.

Circa ragione siamo al festa musicale Transmusicales verso Rennes, unito showcase anniversario cosicche rivendica la apparenza di band di rottura – Prodigy, Garbage, We Have Band e Micachu and the Shapes hanno frastornato in questo momento dal momento che non erano al momento famosi. E in quell’istante, ragione aprono la ricevimento? «E parecchio stravagante risiedere in questo momento per 5000 persone», concorda il canzonettista norvegese Erlend Oye. I ragazzi argutamente ripropongono le domande ai giornalisti stessi, un’esperienza giacche sembra interessarli di piu: «perche pensate cosicche ci chiamiamo The Whitest Boy Alive (Il oltre a cereo partner vitale, ndr)? Mezzo ci avete scoperti?». «Ah tanto, siamo una band tanto forte verso MySpace», fa riferimento Oye. Nell’eventualita che conosciamo la loro musica? Un pauroso silenzio. «C’e autorita qui affinche viene dal sud della Francia?» C’e un abisso frammezzo a loro quattro seduti sul sofa e noi “francesi” ammassati addosso il parete. Un ragazzino gainsbourghiano li colpisce col loro in persona incontro, bisbigliando una ricorso atipica. «Se io dovessi preferire vivrei privo di genitali o senza contare percuotere dal vivo»? Ridacchia un Oye di buon disposizione, inchinando la sua capelli vernice di ricci capelli rossi: «sceglierei di alloggiare on-stage».

Schiettamente si conoscono bene ed hanno il esame della situazione. Il proponimento comincio nel 2003, mentre Oye e il bassista polacco Marcin “Oz” erano stanchi della loro musica dance computerizzata. Seguendo il armonia che veniva dallo indagine seminterrato del loro reggia, scoprirono i loro futuri compagni di band, giacche successivamente erano i coppia terzi degli straordinario Produktionen, disegno dance teutonico dei primi anni 2000. «Questi paio ragazzi stavano spaventando il edificio. Volevamo una nuova toppa per la porta in maniera affinche non rubassero gli strumenti», ride Oz, facendo un gesto verso “Mr. Synth”, il tastierista Daniel Nentwing, 32enne, e al percussionista Sebastian Maschat. «Pensai affinche Marcin fosse un faticoso quando l’ho visto per la davanti volta». Oye, 34 anni, si rivolge all’ex dj house resident del WMF club di Berlino, in caso contrario celebre come “DJ Highfish”.

«Non siamo per niente anticonvenzionali», si difende Nentwig, manifestamente sollecitato da una quesito. «Usiamo e arnesi, abbassato e chitarra! La nostra musica si fonda riguardo a quella degli anni ’70, gli anni sopra cui siamo nati. Guardate tutti i gruppi dance, soul e circolo; incluso e aperto per mezzo di James Brown and Thriller». Erlend lo interrompe: «Usiamo semplice singolo arnese anticonvenzionale». «Il sintetizzatore cosicche abitudine e del 1978 – continua Nentwig, rilassandosi un po – mi piace suonarlo, ha simile tanti controlli. Gli anni ’80 hanno portato ancora suoni nel sintetizzatore. Nonostante, auscultazione semplice musica vecchia». «E mi piace tanto Kim Ki O» aggiunge Erlend.

Berlino detta legislazione

Oz e Oye si sfidano cameratescamente parlando della patrimonio tedesca, il casa da cui proveniva all’inizio la loro musica. « Perche non vitale piu in quel luogo? – esclama Oye – La ambiente musicale a Berlino non e particolarmente florida. C’e un sacco di diletto bensi non e il apice in i buoni contenuti. Bergen (da ove viene Oye) e un bel assegnato attraverso una band». «Ci sono molti produttori e musicisti ed e economica – ripetizione Marcin – Non devi preoccuparti troppo durante l’affitto e cose del modo, mezzo per Londra ovverosia verso Parigi. Benche Berlino e molto inondazione, e pericoloso afferrare ciascuno spazio. Bensi se rendi stimolante la tua metropoli e normale perche le persone arrivino». Maschat concorda sulla particolarita della metropoli: il suo allontanamento musicale. «Le persone si trasferiscono per Berlino verso adattarsi musica; vivono li, ed inaspettatamente giacche ambiente musicale c’e: viene da totale il mondo, dunque non la puoi far coincidere per mezzo di un soltanto popolarita. Che l’hip hop di Berlino; non e un granche».

«Siamo abbastanza soli a Berlino»

«Comunque non penso affinche per Berlino ci come una buona quadro di gruppi – ripete Oye – siamo sufficientemente soli verso Berlino». I quattro negano cosicche regolare tutti e due i loro albo mediante Messico non solo situazione un compromesso. «Proviamo verso divertirci facendo bella musica», dice Oye. «Abbiamo una buona disciplina», aggiunge Oz. Eppure non e il stimolo in il ad esempio il loro finale fumetto, uscito per marzo 2009 in l’etichetta tedesca Bubbles, si chiama Rules (“regole” con britannico, ndr). «Su internet ci sono cose sul reputazione dell’album in quanto sono interamente sbagliate – dice Oye – e appena verso i DJ, laddove ho capito in quanto avevano certamente delle regole su come bisognava esercitare. Sono andato per vedere un fattorino perche ha fatto un ruota fortissimo, ho desiderato tutta la https://www.datingrating.net/it/incontri-interrazziali/ crepuscolo quella canzone, e alla perspicace gli ho domandato dal momento che l’avrebbe eucaristia, e lui mi ha massima: “Aaah, le regole”. Aah, le regole; amore, vogliamo guastare insieme le regole».

Sul scaffale, la attacco e far adeguare diverse regole. E eccentrico guardare i The Whitest Boy Alive alle 20:30 per un’enorme camera, intanto che i patito continuano verso adattarsi la coda in fondo la rovescio di un triste giovedi di dicembre. E ancora piuttosto inconsueto ma in quanto i nostri siano seguiti da personaggi come il canterino inglese VV Brown, «un equivoco di palinsesto» ci assicura il tour manager germanico. Il intesa sembra un immenso te ondeggiante, mediante cui la affluenza non riesce per fermarsi dall’urlare. Nentwig si nasconde conformemente il sintetizzatore, senza contare scarpe, e Maschat controlla le sue bacchette unitamente la precisione di un medico, fermando lo manifestazione ad un alcuno base in attendere della sua borsa musicale inondazione di accessori durante la attrezzi elettronica. Oz segue accuratamente la sua maestro, tirando lontano melodie basse quando mania il soffitto, girandosi pieno schiena verso schiena unitamente Oye, che e il genuino presentatore dei quattro: alza le mani e annuisce spesso, avanti di cacciare quell’illusione di arroganza con la sua bella voce rilassante. Ad un certo luogo, nondimeno Oye, lascia crollare la sua chitarra per fornire un lascivo boogie non rimbombante e post-modesto, celebrando la sua aridita verso insieme il tavolato e tubando incontro il pubblico, che ottone a sua acrobazia per mezzo di adempimento. «Che siamo, nel settentrione della Francia o affare?!», li prende durante giro fra una poesia e l’altra. «Siamo tutti felici, non e autentico? Non ci sono guerre nel mondo, avete il pane a tavola e siete riusciti per acquistare i biglietti verso lo esibizione di stasera».

0 comentarios

Dejar un comentario

¿Quieres unirte a la conversación?
Siéntete libre de contribuir

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *